Torna su Chi Siamo


... e i medici arrivarono subito, uno dopo l’altro:
arrivò, cioè, un Corvo, una Civetta e un Grillo parlante.

“Vorrei sapere da lor signori,” disse la fata,
rivolgendosi ai tre medici riuniti intorno al letto di Pinocchio,
“vorrei sapere da lor signori se questo disgraziato burattino sia vivo o morto!...”

A quest’invito il Corvo, facendosi avanti per il primo, tastò il polso a Pinocchio:
poi gli tastò il naso, poi il dito mignolo dei piedi:
e quand’ebbe tastato ben bene, pronunziò solennemente queste parole:
“A mio credere il burattino è bell’e morto: ma se per disgrazia non fosse morto,
allora sarebbe indizio sicuro che è sempre vivo!”

“Mi dispiace”, disse la Civetta, “di dover contraddire il Corvo,
mio illustre amico e collega, per me , il burattino è sempre vivo;
ma se per disgrazia non fosse vivo, allora sarebbe segno che è morto davvero.”
“E lei non dice nulla?” domandò la fata al Grillo parlante.

“ Io dico che il medico prudente, quando non sa quello che dice,
la miglior cosa che possa fare, è quella di stare zitto.
Del resto quel burattino lì, non m’è fisonomia nuova: io lo conosco da un pezzo!”

Pinocchio, che fin allora era stato immobile come un vero pezzo di legno,
ebbe una specie di fremito convulso, che fece scuotere tutto il letto.

“Quel burattino lì,” seguitò a dire il grillo parlante, “è una birba matricolata…”
Pinocchio aprì gli occhi e li richiuse subito. “è un monellaccio,
uno svogliato, un vagabondo…” Pinocchio si nascose la faccia sotto i lenzuoli.

 “Quel burattino lì è un figliuolo disubbidiente,
che farà morire di crepacuore il suo povero babbo!...”

A questo punto si sentì nella camera un suono soffocato di pianti e di singhiozzi.

Figuratevi come rimasero tutti allorchè, sollevati un poco i lenzuoli,
si accorsero che quello che piangeva e singhiozzava era Pinocchio.

“Quando il morto piange è segno che è in via di guarigione”
disse solennemente il Corvo.
 “Mi duole di contraddire il mio illustre amico e collega" soggiunse la civetta
"ma per me quando il morto piange è segno che gli dispiace a morire.”...




tratto da: ‘le avventure di Pinocchio. Storia di un burattino’  di Carlo Lorenzini detto Collodi
 
Direttore Sanitario
Dott.ssa Elena Cremonini
Medico Esperto in Omeopatia
Aut. San. Com. N° 40 del 22/05/2014
P.I. 03325831208
Dharma srl
Via G. Matteotti, 5
40062 Molinella BO
tel. e fax 051 882 615
P.I. 03325831208

info@dharmasrl.net
ORARI
14:00 > 19:00
14:00 > 19:00
14:00 > 19:00
14:00 > 19:00
14:00 > 19:00
CHIUSO
web design 21net.it